Psoriasi da stress: il meccanismo psicologico che si nasconde dietro alla patologia

18d18-ticnervosi 

La psoriasi è una malattia cronica della pelle che non risulta contagiosa e che si evidenzia con una serie di lesioni squamose superficiali. Secondo la Fondazione Nazionale della Psoriasi degli USA , tra l’1 e il 3% della popolazione mondiale ne soffre.

È certo che tuttora le cause della psoriasi non sono del tutto chiare; molti esperti coincidono che sarebbe dovuta ad una velocità troppo alta della mitosi delle cellule della pelle. Ma…a cosa è dovuta questa anomalia? Le risposte a queste domande sono molto diverse, alcune teorie si riferiscono a un difetto del sistema immunitario, alla predisposizione genetica e fattori ambientali come lo stress.
Ma a parte le cause della malattia, si sa che la psoriasi possiede una elevatissima componente psicologica, fino al punto che è considerata come una delle principali malattie psicosomatiche, ragione per la quale alcuni specialisti hanno stabilito una distinzione parlando di psoriasi da stress.

Già nel 1990 Faber postulava che lo stress avesse un ruolo nella patogenesi della psoriasi. Questo ricercatore segnalava che alcuni fatti come: la simmetria delle lesioni, l’aggravamento a seguito di stress nervoso e la remissione dopo avere sezionato alcuni nervi periferici, erano aspetti che erano strettamente vincolati con il Sistema Nervoso. Così, ipotizzò che la liberazione della sostanza P (un peptide che agisce da neurotrasmettitore e che sarebbe coinvolto nei meccanismi del dolore) sarebbe il responsabile del decorso della malattia.

Uno studio posteriore ha scoperto che in realtà la psoriasi sarebbe dovuta all’azione congiunta di diversi neuropeptidi e non solo alla sostanza P, sebbene, questa idea non viene condivisa da tutta la comunità scientifica. Così, questi ricercatori considerano che in seguito ad una situazione di stress prolungata, il nostro organismo libererebbe a livello extraneuronale, nella pelle, una serie di neuropeptidi che sarebbero i responsabili di accelerare lo sviluppo della malattia.

Ma se vogliamo addentrarci nel funzionamento psicologico, sono molti gli esperti che coincidono nell’affermare che si crea un circolo vizioso nel quale lo stress (dovuto a fattori alieni alla malattia) svolge un ruolo essenziale nell’apparizione della psoriasi e in seguito lo stress vissuto a partire dalla apparizione della patologia stessa fa sì che questa si aggravi.

Un’altro dato a sostegno della teoria dello stress come fattore scatenante e aggravante della condizione, è la comorbilità tra la psoriasi e altri disturbi eminentemente psicologici come per esempio:
– La depressione: nelle persone con psoriasi si riscontra tra il 10 ed il 33% (dei quali il 5% ha presentato intenzioni suicide) dei casi, di fronte al 10 o 12% riscontrato nella popolazione non colpita.

– L’ansia: si manifesta nelle persone che soffrono di psoriasi in una misura tra il 38 ed il 40%, mentre che la popolazione non colpita da psoriasi presenta ansia solo nel 25% dei casi.

Se ci riferiamo ad altre patologie la cui componente psicologica è stata ampiamente dimostrata nella letteratura scientifica, si può riscontrare che il 26% delle persone con psoriasi soffre anche di ipertensione arteriosa e il 17% di disturbi gastrointestinali.
A questi dati va aggiunta una recente ricerca realizzata dall’Università di Murcia (Spagna), nella quale si è potuto riscontrare che le persone con psoriasi presentavano certe peculiarità personologiche che le differenziavano dal resto della popolazione. Queste peculiarità farebbero sì che le persone non fossero capaci di combattere lo stress, evidenziando una serie di risposte emotive disadattive. Per esempio, si è riscontrato una vulnerabilità elevata di fronte allo stress, un comportamento essenzialmente orientato verso gli altri nel tentativo di evitare frizioni sociali ma che nello stesso tempo influisce nelle proprie risposte di fronte alle situazioni stressanti e una difficoltà particolare nel regolare le emozioni, che segnerebbe un punteggio molto alto nella scala della alessitimia. Si è anche apprezzato un indice di adattamento molto basso di fronte alle situazioni stressanti e indicatori elevati di nevrosi.
Nello stesso tempo, si è evidenziato che le persone con psoriasi presentano punteggi elevati nelle prove relative a tentativi di evitare il dolore, un’idea in seguito dimostrata da ricercatori dell’Università di Manchester, secondo i quali le persone che soffrono di questa patologia svilupperebbero un meccanismo che implica cambiamenti a livello cerebrale nella corteccia insulare che permette loro di rispondere in modo più attenuato di fronte alle sensazioni di disgusto.
Riassumendo, la psoriasi non è solo una patologia determinata in modo particolare dai livelli di stress e dai comportamenti disadattivi, ma nello stesso tempo, la stessa malattia produce cambiamenti a livello cerebrale che farebbero sì che queste persone reagiscano in modo diverso a certi stimoli ambientali e sociali.

Lettura suggerita
La psoriasi: un male antico. Viaggio nella malattia della pelle

Sinossi: La psoriasi è una malattia infiammatoria che colpisce prevalentemente la pelle con un discorso tendenzialmente cronico recidivante. Un male antico di cui si ha una verosimile descrizione nei papiri egizi fin dal 2500-2000 a.C., che trova un’eco anche nella Bibbia e spazio anche nel Corpus Ippocrates di Ippocrate nel V secolo a.C.
L’età contemporanea presenta una percentuale di presenza tra popolazione italiana adulta che oscilla intorno al 2,7 percento; percentuale che cresce dello 0,5 percento all’età di 8 anni al 3,2 percento negli adulti fino a 55 anni, per poi decrescere progressivamente. Il libro affronta il duplice versante – fisico e psichico – della malattia dermatologica, offrendone oltre a un excursus storico-medico, un quadro dei diversi metodi terapeutici integrati che possono favorire un benessere nella cura della malattia stessa.
Fonti:

Martín, R. et. Al. (2010) Estilos de personalidad en pacientes con psoriasis. Anales de Psicología; 26(2): 335-340.

Valdivia, l. (2008) Patogenia de la psoriasis. Dermatología Peruana; 18(4).

Cedeño, I. B. & Ríos, J. M. (2005) Psoriasis: Conceptos actuales. Revista Médico Científica; 18(1).

Pérez-Cotapos, M.L. et Al. (2004) Estrés psíquico en psoriasis. Dermatología Cosmética, Médica y Quirúrgica; 2(3): 55-60.

Pincelli, C. et Al. (1992) Substance P is Disminished and Vasoactive Intestinal Peptide is augmented in Psoriatic lesions and these Petides exert disparate effects on the Proliferation of Cultured Human Keratinocytes. Invest Dermatol; 98: 241-247.

Farber, E.; Lanigan, S. & Rein, G. (1990) The role of Psychoneuroimmunology in the pathogenesis of psoriasis.Cutis; 16: 314-322.

 

fonte: http://rolandociofi.blogspot.it/2012/11/psoriasi-da-stress-il-meccanismo.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...