L’importanza della narrazione: i bambini e le storie

Della narrazione di storie la ricerca psicologica ha iniziato ad occuparsi da circa trent’anni: “oggetto di indagine degli antropologi, degli studiosi del folklore, dei semiologi e dei linguisti, il testo narrativo divenne negli anni ’70 materia di ricerca anche tra gli psicologi” (Smorti, 1994, p.51). Da alcuni anni poi sempre più spesso si è parlato e si è scritto di “narrazione”. Il termine ricorre assai di frequente in scritti che spaziano dalla psicologia culturale (Bruner, 1990/1992), a quella clinica (Di Blasio, 1999), a quella dell’educazione (Pontecorvo, 1991).

Anche in ambito evolutivo, all’interno delle tematiche generali sulla comprensione e produzione dei testi, le narrazioni hanno goduto e godono di una rilevanza particolare. La ricerca sull’età evolutiva ha dedicato una notevole attenzione al testo narrativo, “per la sua priorità psicologica e per il suo radicamento nell’oralità” (Orsolini e Pontecorvo, 1991, p.7).

Il leggere insieme le storie o il raccontare storie sono modalità di interazione con il bambino assai ricche di potenzialità. Gli scambi comunicativi che l’accompagnano e la notevole circolazione di informazioni che caratterizzano queste attività incentrate sul materiale scritto, sono oggi riconosciuti fondamentali non solo ai fini dello sviluppo del linguaggio orale, ma anche per la nascita del futuro lettore-scrittore e per la crescita conoscitiva e emotiva dell’individuo.

Pur senza pretese di esaustività, questo contributo cercherà di mettere in luce le ragioni del vivace e diffuso interesse per le narrazioni (1) e di evidenziare le principali caratteristiche e peculiarità di questo tipo di testo (2). L’attenzione verrà quindi essenzialmente focalizzata sull’età evolutiva, pur senza trascurare la rilevanza che questo tipo di testo riveste durante tutto l’arco della vita. Quello della narrazione è un argomento vasto e complesso, che si presta ad essere esplorato e analizzato da varie angolature. In particolare, l’importanza della familiarizzazione del bambino con le storie e il materiale narrativo, sarà analizzata in relazione alla vita emotiva dell’individuo (3), alla costruzione dell’identità personale e culturale (4), e ai successivi apprendimenti di letto-scrittura (5).

fonte: http://rolandociofi.blogspot.it/2012/06/limportanza-della-narrazione-i-bambini.html
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...