L’Importanza della Comunicazione ed Ascolto nel Rapporto Medico-Paziente

Oltre alle loro conoscenze nel campo della medicina, i medici devono anche avere come fondamento anche la componente umanistica del loro sapere. Tra le attitudini e le competenze mediche, è essenziale prendere in considerazione che, a dispetto di qualsiasi condizione e circostanza, l’obiettivo di circoscrivere la sofferenza degli altri deve prevalere.

Nell’antico Egitto, il rapporto medico-paziente era soggetto alle decisioni prese dai sacerdoti, all’interno di una pratica medica basata sulla magia e misticismo.

Nel corso del 5° secolo prima di Cristo, i Greci hanno sviluppato un sistema medico empirico-razionale, in linea con i cambiamenti sociali del giovane democrazia. A causa di questo, il rapporto medico-paziente era basata sulla cooperazione, per consentire una osservazione giudiziosa dei possibili cambiamenti naturali e fisiologici, probabilmente responsabili della malattia.

Il giuramento di Ippocrate delinea un codice di atteggiamenti che i medici devono assumere in relazione ai loro pazienti, mettendo in chiaro che i pazienti hanno diritti ed i medici devono rispondere ai loro obblighi etici.

E’ un giuramento che incarna tutta l’umanità, quando si tratta con i bisogni, benessere e gli interessi dei pazienti, che lo distingue da altri codici.

In epoca medievale, con l’imposizione di idee religiose e superstizioni, c’è stata una regressione nel rapporto medico-paziente.

La Rivoluzione francese, con l’inizio del Rinascimento, ha aperto nuove porte per la medicina come scienza empirica.

Nel 1700 i sintomi erano pari alla malattia ed i pazienti erano dell’alta aristocrazia, di conseguenza i medici venivano obbligati ad essere più interessati alle esigenze e alle esperienze di ognuno di loro, garantendo il loro predominio come paziente.

Con gli ospedali, nel corso del 18° secolo, in cui i pazienti senza privilegi venivano curati, il progresso scientifico determinò un significativo cambiamento in medicina, focalizzando l’attenzione sulla precisione nella diagnosi delle lesioni patologiche all’interno dell’organismo, denominato “modello biomedico della malattia”, in cui veniva postulato che il sintomo non era la malattia, ma un indicatore della presenza o assenza della stessa.

Questi modelli si sono evoluti nel corso del 20° secolo verso il modello partecipativo, un modello in cui il medico, sapendo esattamente ciò che era meglio per il paziente, facilitava un processo in cui si concretizzava reciproca indipendenza e uguale soddisfazione, permettendo ai pazienti la cura di se stessi, come nel caso della malattia cronica.

In tal senso, l’aiuto si configurerebbe come un intervento dell’operatore che offre la propria competenza per la soluzione dei problemi; il protagonista è e rimane il consulente dinnanzi a chi chiede aiuto: il destinatario. Si configura, così, una strategia d’aiuto in cui l’operatore ha la delicata funzione di aiutare la persona a definire il problema e imparare a gestirlo assumendosi pienamente le responsabilità della scelta compiuta, basandosi sulla relazione interpersonale e sulla comunicazione.

Alla base di tale prospettiva s’innesta un concetto di salute fortemente intriso di significato sociale per cui qualsiasi programma di accoglienza, assistenza, cura, terapia e trattamenti educativi, volto al mantenimento della salute e al perseguimento del benessere psico-fisico dell’individuo, dovrebbe prevedere un’attenzione peculiare alla dimensione socio-relazionale.

In altre parole si rende necessario pensare alla persona in senso olistico, poiché lo stato di benessere è determinato da un articolato intreccio di fattori che richiedono una presa in carico globale del soggetto. Per questo motivo è utile pervenire ad un concetto ecosistemico di salute, sulla scia della teoria ecologica dello sviluppo umano di Bronfenbrenner, fondato sull’idea che la salute dell’individuo è il frutto dell’equilibrio tra molteplici dimensioni soggettive in rapporto interattivo con l’ambiente circostante.

I nostri malati sono insoddisfatti, sono pieni di lamentele circa la qualità dei rapporti medico-paziente. Il problema nasce da una intensa concentrazione sempre di più sulla malattia organica e del trattamento fisico; eppure

“Non molti decenni fa, in un’epoca ancora scarsamente tecnologica, gran parte delle informazioni su cui il medico basava ipotesi diagnostiche e interventi terapeutici emergeva dalla storia clinica del malato. La cosiddetta anamnesi dei vecchi trattati di semiotica non si limitava alla raccolta dei dati clinici, ma si allargava alla conoscenza del mondo del paziente, dei suoi rapporti familiari e sociali, delle sue convinzioni personali in tema di salute e malattia: era di fatto una narrazione”.

Una componente essenziale della medicina umanistica è sempre stata la cura per il paziente. Oggi, la capacità della medicina per curare la malattia è aumentata, la capacità di cura è diminuita.

Molti medici hanno poco tempo da passare con il paziente, eppure l’ascolto empatico è un aspetto importante di umanesimo medico in quanto comporta la comprensione dei pazienti e delle sue vulnerabilità. Nella società tecnologicamente avanzate oggi, la pratica medica è molto più complessa rispetto a prima.

I progressi scientifici hanno raddoppiato la durata della vita dei pazienti negli ultimi anni. C’è bisogno di ritrovare la perduta arte della medicina, il medico deve utilizzare l’esperienza, la saggezza e il buonsenso, mescolato con un approccio umanistico alla medicina e alla cura del paziente.

Capire l’individualità del malato è parte della medicina, ben raccontata dall’educatore romano Celso nel suo magistrale lavoro di De Medicina, scritto 2.000 anni fa.

Egli scrive: “No, anche nello stesso paziente, le particolari caratteristiche di una malattia sono molto variabili, e coloro che sono stati trattati per un tempo invano dai rimedi ordinari sono stati spesso restaurati da quelli contrari”.

Il rapporto medico-paziente poggia su un fondamento etico e morale. L’arte della cura resta la pietra angolare della medicina.

In Cecil’s Textbook of Medicine, la medicina è

<< Una professione che incorpora la scienza e i metodi scientifici con l’arte di essere un medico. L’arte di prendersi cura dei malati è vecchia quanto l’umanità stessa. Rispetto ai suoi e di genere, si distingue lunga storia di cura e confortevole, la base scientifica della medicina è molto recente. Inoltre il medico è consigliato di comprendere il paziente come persona. Tre principi fondamentali sono importanti per i professionisti.

Sono primato del benessere del paziente, l’autonomia del paziente e della giustizia sociale >>.

L’arte della medicina è concepita come l’attività di difesa del paziente, come l’arte umana di un ascolto efficace che

<< (…) mobilita tutti i sensi, non semplicemente l’udito.

Praticare l’arte della medicina non richiede soltanto una conoscenza approfondita del disturbo, ma anche una valutazione dei dettagli più intimi della vita emotiva del paziente, considerata di competenza dello psichiatra. Nei manuali di medicina o durante l’università non si accenna neppure alla necessità di un complesso coinvolgimento con i pazienti. Per poter curare, un medico deve sapere innanzitutto ascoltare.

Un ascolto attento è terapeutico di per sé, perché tutte le storie umane sono interessanti.

Pochi grandi libri espongono la condizione umana più chiaramente di un paziente che ha permesso di esplorare in profondità nella sua vita >>.

In molte occasioni i medici sono criticati, non a causa della loro scarsità di conoscenze, piuttosto, al loro comportamento insensibile che ignora completamente il disagio emotivo che colpisce un individuo malato.

La maggior parte dei pazienti pensano che la medicina ad alta tecnologia può fare miracoli per l’umanità sofferente ma, in situazioni particolari, anche la compassione umana, la preoccupazione, l’assicurazione e le altre qualità umane del sanitario, sono di grande importanza nella pratica medica per aiutare il paziente.

Diagnosticare la malattia e la scelta del miglior trattamento richiede certamente delle conoscenze scientifiche e competenze tecniche negli operatori sanitari, ma solo questo non ci darà

<< Una medicina che si prende cura, aiuta o guarisce ha un maggiore effetto anche per l’umanità di quella del solo rammendo, tendente, l’applicazione di patch o prevenire le varie malattie che sono il risultato di essere vivi. (…) con il progresso della scienza e della sua applicazione, vi è una rapida diminuzione dei cosiddetti elementi umani di operatori sanitari, che diluisce il rapporto secolare tra medico e paziente >>.

Hegde (1999), da canto suo, ha espresso preoccupazione anche per l’arte della medicina clinica che

<< (…) sta morendo per l’insegnamento attuale allestito con gadget high-tech. Nel campo della formazione medica in questi giorni, non c’è molta enfasi sull’arte della medicina.

In una sola università del mondo, a Brisbane, gli studenti sono reclutati nelle scuole di medicina dopo aver appreso la musica, la filosofia, ecc., è un buon inizio davvero.

L’importanza dell’arte della medicina è perché abbiamo a che fare con un essere umano, il suo corpo, mente e anima. Per essere un buon praticante medico, uno deve diventare un buon artista, con sufficiente conoscenza scientifica. La tecnologia coperta con lo strato d’arte da sola può portare sollievo ai malati >>.

L’arte della medicina in tutte le sue espressioni deve prendersi cura dei pazienti in tutta la loro sofferenza, deve sviluppare la fiducia, alleviare l’ansia, il senso di paura, colpa, rabbia, disperazione, frustrazione, dolore e vergogna.

Ed è così che avviene la “presa in carico” del malato, con tutta la sua dignità umana e la natura soggettiva della sofferenza.

Kant scrive:

<< Agisci in modo da trattare sempre l’umanità, così nella tua persona come nella persona di ogni altro, sempre come un fine, e mai come un mezzo.

In quanto l’altro ha la stessa dignità mia, deve essere considerato non strumento, ma fine, come io considero me stesso un fine.

Tutti gli uomini hanno pari dignità: tu sei un fine, ti consideri e ti devi trattare come un fine, non ti devi mai abbassare a essere strumento e non devi mai usare un altro >>.

La comunicazione efficace con i pazienti è stata associata a migliorare l’aderenza al trattamento, la soddisfazione del paziente. Tuttavia, il paziente di oggi presenta sfide importanti sia relazionale e dei processi di raccolta di informazioni necessarie per la completa interviste e la pianificazione del trattamento efficace.

I pazienti provengono da diversi contesti culturali e sono in modo differente influenzati da fattori individuali legati alle condizioni psicologiche e socio-economico che hanno un impatto diversificato sulla salute, sui comportamenti e sull’accesso alle cure. Per la cura efficace l’accesso e la comprensione delle informazioni è essenziale, ma richiede un importante cambiamento nel modo di comunicare con i pazienti.

Si tratta di un approccio che ci impone di prendere confidenza con la persona malata, non solo di trattare gli aspetti biologici della patologia di cui è affetta.

L’alleanza tra medico e paziente nel colloquio clinico, è un investimento che ripaga nel lungo periodo: rafforzamento della compliance del paziente e il follow-up.

La comunicazione centrata sul paziente è una competenza che può favorire, nella pratica quotidiana, interazioni positive con il malato.

Recenti studi hanno valutato l’efficacia delle varie strategie volte a migliorare la comunicazione medico-paziente. La valutazione è stata effettuata sui risultati relativi al paziente, comprendente ansia, qualità di vita, conoscenze mediche, soddisfazione e su quelli riguardante il comportamento, il modo di comunicare del medico.

La soddisfazione del paziente è stata valutata come un risultato particolarmente rilevante, un effetto positivo per migliorare l’interazione tra i malati e i loro sanitari.

Alcuni studi effettuati sulla comunicazione medico-paziente, descrivono e indicano l’effetto generalmente positivo della comunicazione sull’andamento della malattia del paziente.

Nella comunicazione centrata sul paziente, il punto di vista del malato diventa parte attiva ed integrante del percorso medico-assistenziale, questo implica che il comportamento del medico è tale da facilitare il paziente ad esprimersi in modo chiaro, aperto e in grado di porre precise domande.

In uno studio sperimentale, condotto in 24 studi di medici di famiglia, in cui sono stati registrate 140 interazioni medico-paziente, includendo anche persone affette da malattie acute e croniche, si è rilevato, dall’analisi dei dati raccolti, dieci giorni dopo la visita registrata, che vi è stata una più alta e significativa aderenza alla terapia prescritta ed una migliore soddisfazione dei pazienti, dovuta ai medici che hanno adottato comportamenti di vicinanza e di ascolto del malato.

Ci sono pazienti che parlano poco e altri sono felici di dire molto di più di quello che c’è da sapere. Farsi carico di un colloquio, al fine di determinare una diagnosi e un piano di trattamento terapeutico, si dovrà trovare un punto di unione tra lo sviluppo di un rapporto e ottenere i dati clinici di cui si ha bisogno. Il mantenimento di questo equilibrio richiede il coinvolgimento, la modificazione del comportamento del paziente, sviluppando e stabilendo un rapporto di fiducia con il paziente, prima e durante il colloquio. L’obiettivo primario del rapporto tra medico e paziente, è raggiungere la qualità di una “alleanza terapeutica”.

Un’alleanza da cui possono derivare benefici, poiché la maggior parte dei pazienti ripongono fiducia nei loro medici per la loro conoscenza, l’autorità e la capacità di cura. Tale alleanza e intesa, deve essere stabilita e concretizzata già nel colloquio medico.

In uno studio che ha esplorato gli effetti della comunicazione -formazione professionale sul processo e l’esito di cura associata a stress emotivo del paziente, si è dimostrato in modo chiaro che il miglioramento delle capacità comunicative dei medici è associato ad una riduzione del distress nei pazienti.

In una revisione di 21 studi randomizzati controllati e studi analitici sugli effetti della comunicazione medico-paziente, è emerso che una migliore comunicazione con il paziente può essere associata ad una migliore salute emotiva e fisica, risoluzione più elevata dei sintomi, un miglior controllo del dolore cronico, della pressione arteriosa e della glicemia.

In un altro studio che ha indagato sugli stili di interazione di medici e sulla qualità dei servizi sanitari percepita da parte dei pazienti, i ricercatori ha eseguito una studio trasversale 
osservando 2881 visite di pazienti e 138 medici di famiglia.

Gli stili di interazione dei medici con i pazienti, sono stati categorizzati in diversi modelli: centrato sulla persona, biopsicosociale, biomedico e quello di elevato controllo medico.

Tale studio ha dimostrato che i medici, con un stile di interazione focalizzato sulla persona, sono stati associati ad una più alta qualità della cura, per come riferito da parte dei pazienti; nel mentre i medici con stile di controllo elevati sono stati associati alla più bassa qualità di cura.

Trovare il modo per migliorare la qualità delle cure, è di interesse sia per gli amministratori dei servizi sanitari che per i medici. E’ stato dimostrato che l’atteggiamento del medico verso i pazienti, la sua capacità di suscitare e rispettare le loro preoccupazioni, la messa a disposizione di adeguate informazioni, la dimostrazione di empatia e lo sviluppo della fiducia del paziente, sono i fattori determinanti di una buona compliance al trattamento terapeutico-assistenziale.

Inoltre, è dimostrato, che un’efficace comunicazione medico paziente è altamente correlata con la soddisfazione del paziente dell’assistenza sanitaria e dei servizi.

In uno ambulatorio di un ospedale universitario, è stato condotto uno studio con il quale è stato dimostrato che la soddisfazione professionale dei medici di base, è associata ad una maggiore fiducia dei paziente nei loro confronti.

Sembra che i medici che sono più soddisfatti, sono più disponibili ed in grado di rispondere alla preoccupazione del paziente.

Si è visto che i medici che sono soddisfatti della loro vita professionale, possono a loro volta influenzare la comunicazione con i pazienti, riducendo anche il rischio di malpractice.

Uno studio ha esplorato le ragioni che conducono i pazienti a sporgere denuncia contro medici. Nel 71% delle testimonianze sono stati identificati problemi di relazione tra medico e paziente, quale fattore importante. Includendo tra questi problemi relazionali anche “la svalutazione del paziente e/o del familiare”, “fornire informazioni inesatte”, “nessuna comprensione per il paziente e la famiglia”. Gli autori hanno concluso che la decisione di procedere legalmente contro i medici è spesso associata a una percepita mancanza di cura e di vicinanza in ambito sanitario.

Analogamente, in uno studio condotto per esaminare i fattori che portarono alcune famiglie a sporgere denuncia per malpractice contro i medici, dopo lesioni perinatali, venne dimostrato che la mancanza di comunicazione, come fattore importante, era collegato a tali denunce.

Gli stessi autori hanno anche evidenziato che i medici citati in giudizio, erano gli stessi che ricevevano frequenti lamentele da parte dei pazienti, a causa di “un sentimento di essere trascurati e la mancanza di spiegazioni per i test effettuati.

E’ importante una buona capacità di comunicazione per i medici, al fine di guadagnare la fiducia dei loro pazienti e di costruire una migliore rapporto. Invero, il miglioramento delle capacità di comunicazione possono fare una grande differenza nella soddisfazione del medico e in quella del paziente, con maggiori risultati per quanto concerne l’aderenza al trattamento e una più attiva partecipazione a importanti decisioni mediche da parte del malato. I medici, quindi, non possono permettersi di ignorare questa importante aspetto dei loro rapporti con i pazienti.

I medici dovrebbero ascoltare i malati, condividere informazioni con loro, incoraggiare la fiducia reciproca e il processo decisionale partecipato.

fonte: http://www.psicolab.net/2015/comunicazione-medico-paziente/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...