L’aggressività: storia e ipotesi interpretative

L’aggressività: storia e ipotesi interpretative

Mentre la psichiatria dorme davanti alle case farmaceutiche da 50 anni e aspetta tempi migliori; mentre la psicologia vive di rendita alle spalle del genio di Freud, la realtà scorre come un fiume impetuoso davanti ai nostri occhi rivelandoci come l’aggressività costituisce un comportamento sempre più diffuso e condiviso.

(di Angelo Giuseppe de’ Micheli e Francesco Salvo)

Violenze, abusi, stupri, omicidi… C’è solo l’imbarazzo della scelta. “C’è del marcio nella specie Homo Sapiens” (Lorenz, [1]): e’ una constatazione che lo studioso sente di dover fare nei confronti dei rischi e delle deviazioni che coglie nella società contemporanea riferendosi soprattutto al tema dell’aggressività intesa come conflitto intra-specifico diretto contro i membri della stessa specie. E’ questa una prima immagine che apre il sipario sul grande tema dell’aggressività, un tema che nasce nella notte dei tempi, che si nutre del quotidiano e che sembra alimentarsi sempre di più nello sforzo di far conciliare bisogni e sopravvivenza dell’individuo interpretati nella loro sorgente istintuale (de’ Micheli, [2]) rispetto agli stessi elementi interpretati in una chiave culturale.

Aggressività e violenza sono campi di studio della psicologia sociale delegata per vocazione ad indagare nell’ambito dei comportamenti che hanno come interlocutore o destinatario gli altri: lo dimostra il fatto che il termine stesso di aggressività è diventato un parametro ricorrente negli studi della psicologia sociale con la doverosa attenuante di diversificare l’aggressività sana e negativa (Kraké, [3]) accettabile la prima come difesa e conservazione del Sé, la seconda come comportamento socialmente negativo non correlabile al benessere psicologico dell’individuo.

Considerando l’aggressività come una risposta in grado di generare uno stimolo dannoso ad un altro organismo, Buss [4] coglie l’aspetto rigorosamente comportamentistico, escludendo quindi, per esempio, quelli di pensiero e di emozioni ed includendo invece processi che possono trovare una diversa interpretazione.

Tedeschi e Felson [5] sottolineano che per essere considerato aggressivo il comportamento deve avere come intento quello di provocare “conseguenze negative” sull’altra persona. Ne deriva che per essere tale è fondamentale la presenza dell’ “aspettativa” del danno in chi mette in atto il comportamento aggressivo. In questa prospettiva restano esclusi quei comportamenti che provocano danno morale e fisico ma la cui origine è “involontaria”, classico esempio può essere l’incidente stradale.

In questa definizione però trovano collocazione comportamenti che hanno le sopraccitate caratteristiche indipendentemente dal risultato finale che ne deriva, per esempio un colpo d’arma sparato che non raggiunge il bersaglio. Considerando come elemento determinante l’intenzionalità, rientra in questa logica per esempio, l’omissione di soccorso.

Indubbiamente sintetica e d’effetto è la definizione di aggressività che propongono Baron e Richardson [6] che vede “qualunque comportamento diretto a fare del male ad un altro essere vivente ben motivato ad evitare questo trattamento”. Krahé [7] nell’ambito degli studi di psicologia sociale, formula una diversificazione tra “aggressività ostile” e di tipo “strumentale” interpretando la prima come la precisa volontà di danneggiare l’altro e la seconda come la volontà di “raggiungere un determinato scopo” che presuppone un agito concreto, sottolineando come le due forme possono convivere in contemporanea.

In questo scenario trova ottima collocazione il concetto richiamato da Berlowitz [8] quando afferma che “il comportamento deve essere considerato aggressivo solo quando viola una norma. La norma è un comportamento condiviso dalla collettività in un certo momento storico e ad una certa latitudine.

Violare una norma è una logica quest’ultima discutibile in quanto chiama in causa il concetto di norma, concetto sul quale la letteratura ha ampiamente dibattuto. Ciò che è norma ad una determinata latitudine sottolineo, potrebbe non esserlo ad un’altra, come del pari, una norma che ha valore in un certo momento storico potrebbe non averne in un altro. Inoltre, una distinzione doverosa è quella che prende in considerazione l’aggressività legittima o illegittima; un facile esempio può essere quello della condanna a morte disposta dall’ordinamento giuridico che, sottostà a tutti i criteri sopra indicati ma, resta nella sostanza un atto aggressivo.

In ambito psicologico l’aggressività è diventato un campo di valutazione attraverso precise strategie di osservazione del comportamento sia attraverso strumenti come test e questionari somministrati in situazioni reali sia in laboratorio, Di Maria-Di Nuovo [9] e Caparra-Laeng [10] evidenziando per esempio che le situazioni sperimentali condotte in laboratorio fornivano dati abbastanza equivalenti a quelli che si rilevano nel contesto sociale quotidiano. Masala, Preti, Petretto [11] definiscono l’aggressione attiva come quel tipo di aggressione che danneggia l’aggredito e che si esplica nel “fare” collocando l’aggressione passiva nel “non fare, senza trascurare poi una diversificazione nell’ambito delle forme consce e di quelle inconsce.

Anche per questi autori la grande molteplicità delle forme con cui l’aggressività si manifesta impone una valutazione sui suoi correlati comportamentali e, da ciò la proliferazione di strumenti di valutazione per le diverse forme di aggressività con cui si manifesta.

Non si hanno manifestazioni aggressive se non in contesti che implicano la pluralità di individui che interagiscono tra di loro come ricorda Masala, Preti, Petretto [12] e alla luce di questa affermazione si coglie come la rappresentazione dell’aggressività opera nell’ambito del sociale coinvolgendo di fatto l’altro o gli altri. Questo riporta alla necessità di leggere il comportamento dell’individuo alla luce di tutte le sue relazioni interpersonali sia di quelle della prima infanzia, strutturate nell’ambito familiare sia in quello sociale in cui il soggetto è cresciuto, ha vissuto ed opera nel quotidiano, tutto ciò chiama in causa l’ambiente e di riflesso le esperienze che il soggetto ha vissuto in prima persona nell’ambiente stesso. E’ alla luce di questo contesto che si vanno a strutturare i processi cognitivi, come per esempio, la memoria e quindi i processi di apprendimento.

Una lettura in questa direzione potrebbe legittimare l’interpretazione in esclusiva chiave comportamentale ma, ci sembra fare torto dimenticare che anche in ambito psicoanalitico i sopraccitati processi cognitivi trovano diritto ad essere ospitati in quanto le pulsioni o gli istinti devono sempre e comunque confrontarsi con il contesto ambientale che può legittimarli assecondando nel divenire le forze dell’Es o inibirli in tutto o in parte attraverso le modalità d’azione del Super-Io che, giocoforza, riflette il contesto culturale e ambientale nel quale il soggetto vive e cresce.

La capacità dell’Io di crescere a discapito del Super-Io è un processo che implica un notevole sforzo e che può attuarsi solo in forza di un contesto culturale consolidato e coinvolgente. Temperamento, carattere e personalità sono il risultato delle complesse interazioni sociali che l’individuo vive e sviluppa. Ancora una volta, si evidenzia come il contesto ambientale occupa una posizione di primo piano nel modellamento della struttura della personalità. L’individuo e gli individui si influenzano a vicenda e non solo alla luce del singolo comportamento ma anche nelle modalità interpretative che l’individuo o gli individui danno al singolo comportamento, quindi non solo di fronte all’agito ma anche nella modalità di lettura dell’agito stesso. Giudizi e pregiudizi sono solo alcuni dei fondali di questo teatro dell’agito dove diventa sempre più complesso scoprire chi sia il vero colpevole. Tutti gli studi effettuati in merito al peso delle frustrazioni posso ampiamente illustrare la complessità del coinvolgimento del contesto sociale nell’origine dell’aggressività (Da Gloria, [13]).

Di sicuro interesse sono le ipotesi che si ispirano ai modelli bio-psico-sociali che offrono spazi interpretativi come quello per esempio di Athens [14] che ha svolto indagini con interviste dirette agli autori di gravi reati; è sua convinzione che le violente manifestazioni dell’aggressività non sono messe in atto sotto l’effetto di un impulso temporaneo e neppure sono la conseguenza della presenza di una malattia mentale ma sono il risultato di una personale e specifica interpretazione della situazione; che, a detta dell’autore, ha origine da esperienze vissute in periodi precoci della vita. Come ricorda Masala, Preti, Petretto [15] “il percorso cognitivo che conduce alla selezione della risposta violenta come unica appropriata a una situazione critica è influenzato dalle memorie apprese nel corso dello sviluppo e delle esperienze passate”. Per Athens chi è abitualmente violento lo è perché ha “comunità-fantasma” diverse da quelle dei non violenti [16].

In sostanza l’autore riconosce come alla radice dell’aggressività ci sia di fatto un vissuto esperienziale che depone in una unica direzione. Interpretazioni di questo tipo possono apparire confortanti ma sono state oggetto di ampie critiche, sia per il naturale determinismo che evocano, rendendo complesso e forse poco praticabile il recupero da queste situazioni sia perché evocano una classificazione che di fatto istituisce un nuovo e diverso profilo di personalità, che pur non avendo le connotazioni di una diagnosi clinica ne ha di fatto al struttura a tutti gli effetti sociali. L’autore parla di un processo di “violentizzazione” che passa da quattro fasi: brutalizzazione, belligeranza, prestazioni violente e virulenza. In sostanza come l’autore stesso dichiara: “La scelta della violenza non è solo questione di non aver niente da perdere, ma anche di avere qualcosa da guadagnare”. Un aspetto sicuramente interessante dell’ipotesi di Athens è quello di proporre margini d’intervento per il recupero di questi soggetti e, soprattutto per pianificare strategie di prevenzione che l’autore vedrebbe attive già dall’età scolare, è sua la considerazione che “Una buona scuola può essere efficace nel rimediare quei casi in cui la famiglia non è adeguata a farlo”.

Sempre nella prospettiva dell’aggressività come profilo della psicologia sociale trova spazio il lavoro di Cathy Spatz Widom [17], che ha indagato la relazione tra brutalizzazione vissuta durante l’infanzia e aggressività espressa in età adulta. Studi che sono poi approdati a concludere che le violenze subite nell’infanzia e nell’adolescenza costituiscono un fattore predisponente verso comportamenti violenti nell’età adulta. Queste conclusioni hanno successivamente trovato in letteratura ampi riscontri arrivando a formulare il “ciclo della violenza” o alla “trasmissione intergenerazionale della violenza. Ricerche successive prospettiche hanno però dimostrato che solo una parte dei soggetti che hanno subito abusi durante l’infanzia sviluppano comportamenti aggressivi (Di Lalla, Gottesman, [18]).

Anche la neurobiologia ha fornito un suo modello interpretativo dell’aggressività che chiama in causa alcuni fra i tanti neurotrasmettitori, in particolare la noradrenalina che interessa l’area del Locus Ceruleus, la serotonina che svolge la sua funzione soprattutto a partire dai nuclei del Rafe, e la dopamina che a partire dalla Substantia Nigra e dall’Area Ventrale Segmentale sembrerebbe assolvere determinati ruoli. Questi tre neurotrasmettitori sono coinvolti in numerosi ruoli, dal ritmo del sonno all’appetito, dai livelli d’attenzione al tono dell’umore fino all’agito dell’aggressività. In questo ambito sono in corso ricerche che, a partire da un altro neurotrasmettitore, il cortisolo, mettono in luce il ruolo dello stress come un fattore di primo piano nell’origine di alcuni disturbi dell’umore e della condotta. Quindi il comportamento aggressivo come il superamento di una soglia di cortisolo. Alcuni studi sono contraddittori, per esempio quelli sul coinvolgimento della serotonina (Coccaro [19]), nella dinamica dell’aggressività. Resta il fatto però che alterazioni neurotrasmettitoriali in presenza di una evidente aggressività depongono verso una interpretazione che chiama in causa un’ipotesi organica dell’aggressività.

Lo conferma per esempio l’abuso di alcol che trova ampie conferme nelle situazioni di violenza domestica. Se studi sul topo evidenziano una possibile base genetica dell’aggressività che non trova però conferme nell’uomo, resta ipotizzabile come ricorda Coccaro che: “l’azione specifica su particolari sistemi neurotrasmettitoriali sia alla base dell’effetto facilitante l’aggressività prodotto da particolari sostanze, per esempio l’alcol o la cocaina.

Due riflessioni sono doverose in merito all’ipotesi sociobiologia che trovano il loro punto di partenza in alcune interessanti intuizioni di Darwin, dove la trasmissione dell’informazione genetica si attiva nel rispetto della trasmissione di quei processi che risultano essere vantaggiosi lungo il corso dei passaggi generazionali. In questa direzione approdano anche le ricerche Lorenz. Allo stato attuale delle conoscenze siamo in assenza di marker specifici dell’aggressività con alta affidabilità, pertanto, non si dispone di una risposta unica in grado di spiegare che cosa sia all’origine dell’aggressività, le interpretazioni sono parziali quando non contraddittorie e, probabilmente non vi è una risposta unica ma l’aggressività ha sicuramente una culla costruita con diversi materiali che interagiscono tra loro.

Il fatto che vi siano dei disturbi mentali che mettono in gioco modalità aggressive, per esempio la schizofrenia o il disturbo di personalità antisociale non contribuisce a chiarire l’origine del problema ma ne fornisce soltanto una visione specifica, circostanziata che è rigorosamente soggettiva e personale e che, non trova necessariamente riscontro in tutti i contesti che possono chiamare in causa i disturbi mentali. E per ultimo, ma non certo per importanza, l’aggressività può anche essere agita verso se stessi con comportamenti che approdano all’automutilazione o al limite estremo nel suicidio.

Come per tanti scenari della vita la psicoanalisi ha dalla sua lontana alba proposto un suo modello interpretativo che vede l’aggressività come la risposta ad una situazione di paura che non necessariamente è contemporanea in termini temporali. L’esposizione prolungata a situazioni di paura depone verso la formazione di una situazione di disagio che si consolida sedimentandosi fino a raggiungere la necessità di mettere in atto una risposta adattiva: la risposta aggressiva, identificabile per esempio nella formula ti aggredisco prima che tu mi aggredisca.

Liquidare l’interpretazione psicoanalitica non è facile soprattutto quando per un secolo ha fornito informazioni utili a cambiare il mondo della malattia mentale, riportando il disturbo mentale sotto un abito accettabile e trattabile lontano dalla storica emarginazione e, soprattutto dalla irreversibilità del disturbo o dalla sua sottomissione attraverso il farmaco.

In questa sede ci interessa esplorare il rapporto tra aggressività e uso delle armi poiché queste ultime costituiscono lo strumento con il quale nella maggioranza dei casi l’aggressività viene agita con le logiche conseguenze. Cercheremo di esaminare le principali dinamiche che entrano in gioco nel semplice interesse per le armi, nell’acquisto lecito o illecito delle stesse e nell’uso che ne viene fatto.

Lo scopo è di cogliere elementi che possano diventare dei comuni denominatori idonei ad inquadrare le situazioni psicologiche che presiedono a questi processi mentali. Va detto a questo proposito che già nella prima infanzia il bambino familiarizza con le armi giocattolo riproponendo all’interno dei gioco quanto apprende dalla televisione per esempio o dal cinematografo. Nel suo immaginario le armi assolvono nel suo mondo fantastico e irreale il ruolo di strumenti di difesa e di attacco oltre che strumenti di giustizia. L’approccio a questi giocattoli non viene mediato dall’autorità dei genitori ma trova accettazione, consenso e il più delle volte compiacenza. Tutto ciò legittima nella mente del bambino il diritto al possesso di armi, per lui, meglio sarebbe dire per il suo inconscio, il fatto che sia un fucile giocattolo non ha nessuna importanza, nel suo immaginario quel fucile spara, l’inconscio non conosce il principio di realtà; il suo fucile giocattolo colpisce e lo può difendere dalla presenza di nemici. La pedagogia della famiglia non assolve il compito di far capire al bambino che quel tipo di gioco, apparentemente innocuo, fa sedimentare nella sua mente una familiarità che sarà difficile successivamente cancellare o ridimensionare. Il fatto che i genitori non mettono dei limiti consente alla mente del bambino di considerare l’uso di armi giocattolo come lecito, naturale, ovvio e percorribile senza riserve o paure.

Questa accettazione delle armi nell’infanzia lascia una impronta nella mente del bambino, impronta che trova la sua evoluzione nei giochi che ne deriveranno e che lasciano pieno campo all’uso di armi. Se un gioco non viene proibito è lecito. Tutto ciò significa che non si creano barriere educative nei confronti delle armi, se non in poche e rare eccezioni. Il bambino impara che avere un’arma è lecito, permesso e talvolta incoraggiato. Attraverso il gioco rinforza questa convinzione di cui al momento ne fa un uso esclusivamente ricreativo. Di sicuro nella sua mente non ci sono dubbi, riserve o paure verso le armi e lo dimostra tragicamente qualche fatto di cronaca dove i bambini si rendono colpevoli di lutti per aver usato l’arma del padre nel gioco con coetanei. Solo quando il preadolescente sviluppa l’intelligenza ipotetico deduttiva può essere in grado di discriminare tra l’arma giocattolo e quella rinvenuta per esempio, nell’armadio del padre. Ma la familiarità a livello associativa con l’arma resta memorizzata.

Sarà il contesto ambientale che presiede alla fase dello sviluppo a determinare se certi elementi associativi sono destinati a perdurare nel tempo o potranno avviarsi verso un naturale oblio. E’ evidente che il contesto ambientale prende in esame sia la struttura familiare sia quella sociale dove il soggetto vive. Nel caso in cui famiglia e l’ambiente ripresentino situazioni riconducibili a livello associativo con l’uso delle armi queste ultime troveranno un ulteriore elemento di rinforzo a livello dell’Io.

Come abbiamo già avuto modo di esporre le situazioni di paura sono il più delle volte alla base dei comportamenti di aggressività e, in questa direzione, trova giustificazione e familiarizzazione l’uso delle armi correlato per esempio a particolari attività professionali. Si potrebbe dire che esiste una precisa separazione tra coloro che non sono interessati, non vogliono o per scelta rinunciano all’uso delle armi e coloro che invece prendono in considerazione la possibilità, la alimentano e la mettono in pratica. E’ la storia personale di ciascuno che presiede a questa decisione.

Tenere un arma in casa non rientra tra i pezzi dell’argenteria di famiglia ma, presuppone una precisa e chiara volontà, legittimata dall’istinto di difesa. La detenzione stessa implica la possibilità, sia pure latente quanto si vuole, di farne un uso in caso di necessità. Più difficile è stabilire quando è veramente una necessità: questa scelta è tassativamente soggettiva e varia in funzione alla condizione emozionale della persona: difesa personale o familiare se le circostanze lo richiedono o offesa diretta ed esplicita dettata da un preciso processo mentale. In questa ultima logica entrano in scene le condizioni mentali che potrebbero talvolta essere alterate, per esempio per l’uso di sostanze psicotrope o per la presenza di un disturbo grave di personalità come nel caso di depressione e suicidio.

Possedere un arma significa avere una variabile in più per risolvere determinate situazioni della vita e, il fatto stesso di disporre di una possibilità in più colloca il detentore in una condizione psicologica diversa rispetto agli altri. Sarebbe semplicistico liquidare il tutto all’insegna di un tratto maniacale o di millantati deliri di onnipotenza; molto meglio riconoscere la necessità di una valutazione ad “personam” delle motivazioni che sono coinvolte nella scelta di possedere un arma.

L’uso improprio di armi destinate alla caccia e utilizzate invece per commettere dei reati può essere citato a dimostrazione che nessun alibi teorico finalizzato per esempio alla passione della caccia o all’esercizio delle armi solo al poligono di tiro consente di assolvere il possessore dalle possibili implicazioni inconsce che dell’arma è possibile fare nel contesto reale.

Anche la semplice scelta di avere armi a scopo di collezionismo apre e legittima l’indagine psicologica sul soggetto che nella scelta di questa particolare collezione proietta con alta probabilità, istanze segrete di tipo compensatorio, finalizzate a riportare in pareggio quella bilancia emozionale troppe volte messa alla prova da sentimenti d’inferiorità o di perdita decisamente mal compensati.

Tutto quanto sopra vale soprattutto per chi detiene in casa un arma, ancora più significativa è la condizione psicologica di ha costantemente con se un arma. Questo ultimo comportamento può essere solo in parte giustificato dall’attività professionale svolta che lo espone a condizioni di alto rischio, ciò non toglie però che il possesso dell’arma implica la disponibilità a farne uso e, pertanto comporta l’accettazione di agire in termini aggressivi. E’ legittimo domandarsi se il possesso di un arma costituisce una garanzia certa per la propria sicurezza e, a questo proposito nasce più di un interrogativo. La detenzione dell’arma non costituisce garanzia di sicurezza anzi, espone maggiormente al pericolo di scontro poiché di fronte ad una situazione di pericolo la variabile in gioco è solo verso chi ne fa uso per primo.

Ci sembra legittimo riconoscere che il possesso dell’arma può offrire una garanzia dal punto di vista psicologico di maggiore tranquillità ma, se così fosse, ciò testimonierebbe una volta di più che il soggetto parte da una condizione di forte insicurezza che trova un coraggio simbolico tranquillizzante nel tenere con se un arma e, questo vale sia e soprattutto per le armi da fuoco ma, può essere facilmente letto anche per coloro che portano sempre F.E. Coccaro, M.E. Barman, R.J.Kavoussi, R.L. Hauger, Relationship of prolactin response to d-Fenfluramine to behavioural and questionnaire assessments of progression in personality-disorder men, in Biological Psychiatry, 54, pp. 1081-8, 1996;con se armi da taglio. Esistono aree geografiche dove tenere il coltello in tasca è norma.

Alla base c’è e resta una insicurezza nella struttura dell’Io, questa insicurezza sollecita la presenza di strumenti idonei a tranquillizzare la personalità e, il ricorso al possesso dell’arma svolge quella funzione di compensazione che consente all’individuo di superare il disagio. Usare l’arma diventa quindi una risposta istintiva mentre il rifiuto si colloca come un processo esclusivamente culturale e sottostà ad un atto volontario.

Appare altrettanto significativo il fatto che la possibilità di fare giustizia sommaria in prima persona non solo attesta scarsa fiducia verso le istituzioni deputate a questo scopo ma, mette in evidenza come, sul fronte istituzionale vi siano delle carenze destinate ad essere compensate con il “fai da tè”, come tristemente siamo portati ad osservare dalla lettura delle cronache nere quotidiane. Per alcuni soggetti il poter aver un arma libera fantasie di onnipotenza e consente loro di lasciare da parte quelle situazioni che evocano paura. Purtroppo il disporre di un arma a portata di mano favorisce in modo esponenziale le occasioni a farvi ricorso. Le fantasie di onnipotenza possono facilmente debordare verso comportamenti che sfuggono al controllo della ragione e danno luogo a tragiche conseguenze che troviamo ormai in modo costante riportate in cronaca dai quotidiani.

fonte: http://www.brainfactor.it/?p=2074

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...