Mangiare di Notte, Night Eating Syndrome? Sindrome dell’alimentazione Notturna

mangiare di notte, night eating syndrome, psicologo milano, insonnia, disturbi del sonno, psicologo a milanoI disturbi del sonno legati all’alimentazione si distinguono in due categorie che è importante e fondamentale saper distinguere.  Una è la Night Eating Syndrome (sindrome dell’alimentazione notturna- Nes) e l’altra è la Sleep-Related Eating disorder (Disturbo Notturno del Sonno associato al Disturbo dell’Alimentazione- SRED ).

SRED,  Disturbo Notturno del Sonno associato al Disturbo dell’Alimentazione

Il disturbo del sonno associato al disturbo dell’alimentazione è primariamente  considerato un disturbo del sonno, nello specifico una parasonnia, nonostante abbia caratteristiche simili al disturbo alimentare del binge eating.

In questo disturbo specifico del sonno l’assunzione di cibo avviene in uno stato di sonno profondo.

Le persone che soffrono di SRED non hanno nessun tipo di consapevolezza durante l’episodio di alimentazione notturna, e non sembrano nemmeno consapevoli di ciò che stanno mangiando. Al risveglio nella maggior parte dei casi non vi è alcun ricordo dell’episodio, proprio per questa caratteristica di mancanza di consapevolezza sembrano ricordare episodi di sonnambulismo.

Generalmente quando le persone con SRED si svegliano e apprendono o trovano le evidenze del loro comportamento notturno si sentono imbarazzati si vergognano e possono aver paura di essere impazziti ed aver perso il controllo si sé. Talvolta anche davanti alle evidenze del proprio comportamento notturno alcune persone tendono a negare l’evidenza in quanto non hanno sinceramente nessun ricordo ed è difficile ammettere di aver perso il controllo in modo così evidente.

Il cibo ingerito durante gli episodi di Sred sembra essere un cibo ricco di grasso o di zuccheri, a volte si tratta di quel cibo che le persone si negano quando sveglie. È riportato in letteratura che in alcuni casi si hanno combinazioni di cibi bizzarre.

Chi soffre di SRED?

Sembrano essere affetti da Disturbo Notturno del Sonno associato al Disturbo dell’Alimentazione Dal 1 al 3% della popolazione generale e tra il 10-15 % delle persone con disturbi alimentari ne sono colpiti.

Questo tipo di alimentazione notturna può essere un problema cronico o saltuario comparire quindi raramente e in concomitanza a momenti di forte stress.

Caratteristiche di chi soffre di SRED

Sembrerebbe che chi mangia di notte ed ha questo disturbo sia generalmente molto stressato e ansioso. In concomitanza con il disturbo possono comparire sentimenti di rabbia verso se stessi per la perdita di controllo notturno,  inoltre possono comparire anche sintomi depressivi a  seguito dell’aumento di peso. L’aumento di peso infatti è una caratteristica molto comune in  questo disturbo del sonno legato all’alimentazione.

Un altro aspetto che spesso accumuna i mangiatori notturni è la dieta diurna che lascia affamati e vulnerabili alle abbuffate della notte in cui il controllo e la consapevolezza sono indebolite dal sonno.

Ipotesi sulle cause

La letteratura non ci da conforto in merito alle cause essendo un disturbo di recente scoperta e studio.
Attualmente tra le cause riconosciute vi è l’utilizzo di alcuni farmaci tra cui l’amitriptilina (un sedativo anti-depressivo) e lo zolpidem (un farmaco sedativo).

Altre cause che sembrano concorrere all’insorgere della patologia in esame  sono eventi scatenanti come l’encefalite, l’epatite autoimmune, la narcolessia, abuso di alcol, il fumo o lo stress.  Da uno studio scientifico di Mahowald e Schenck è emerso che poco più della metà di pazienti  con questo problema riportatava un passato emotivamente intenso.

La SRED trova un associazione con il sonnambulismo, la sindrome delle gambe senza riposo, e le apnee notturne. Il sonno di queste persone può essere frammentato infatti spesso risultano essere stanche quando si svegliano.

La ricerca più recente indica che la SRED non è collegata con disturbi alimentari come l’anoressia nervosa o la bulimia; proprio per questa ragione si caratterizza più come un disturbo specifico del sonno appartente alle parasonnie che un disturbo alimentare.

Da alcuni studi sembra essere emerso che questo disturbo  abbia una componente genetica in quanto  ricorrente nelle famiglie.

Esiste una cura per chi ha la sindrome del mangiatore notturno e soffre di SRED?

Sì,  esiste un trattamento specifico per  chi mangia la notte durante il sonno. Il primo passo per iniziare è un colloquio clinico volto a stabilire nello specifico le caratteristiche del disturbo, la sua evoluzione e conoscerne l’impatto sulla vita della persona. In seguito potrebbe essere necessaria una notte o due in un  centro di medicina del sonno  per monitorare in vivo che cosa avviene durante la notte con una video-polisonnografia.

Talvolta vengono somministrati dei farmaci specifici, stabiliti con il medico specialista in medicina del sonno.

Sono anche utili gli interventi che riducono l’ansia  e lo stress per questo può essere utili rivolgersi a psicologi che non solo trattino l’ansia ma che conoscano anche i disturbi del sonno.

fonte: http://www.psicologoamilano.com/mangiare-di-notte-night-eating-syndrome-sindrome-dell%E2%80%99alimentazione-notturna/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...